Servi della Carità Opera Don Guanella in omnibus charitas

Lingue

itenfrptroes

Breadcrumbs

L'amore alla Madonna del lavoro

Un amore particolare di don Luigi Guanella è per la Madonna del lavoro. È la devozione che orienta la sua attività di fondatore. Alla Madonna del lavoro, don Luigi, dedica la Casa di Nuova Olonio San Salvatore, una delle sue conquiste pedagogiche e riabilitative.
In quella zona paludosa era riuscito, coinvolgendo anche un gruppo di suoi disabili, a portare la bonifica del terreno e a ricostruire l’antico paese di Olonio.  Era per lui un orgoglio aver dimostrato che nessuno è così incapace e sprovveduto da non portare alcun aiuto e soccorso agli altri. Fin dagli inizi del suo apostolato aveva, in sintonia con San Benedetto, coniato il suo motto: Oremus et laboremus.
Aveva appreso questa devozione forse dall’ingegner Sartirana e dal congresso di Amiens nel 1894 che aveva tanto raccomandato la devozione a “Notre Dame du Travail”.
Don Guanella intendeva così mettere sotto il manto di Maria le ansie, le speranze, i dolori e le attese, i lutti e i contrasti come i benefici e le gioie che dal lavoro l’uomo può ricevere: benessere attraverso il sacrificio.
Era sua intenzione tutta particolare affidare a questa Madre i più deboli, i più esposti alla sopraffazione, i più incapaci di competere in questa dura e spesso violenta lotta per la vita. Al riguardo scriveva: “Lavoriamo, ma credendo in Dio, sperando in una vita futura, amando il prossimo nostro per amare il Signore. E la Vergine Santa alimenti in noi quelle virtù che, rendendoci operosi, ci faranno utili e buoni” (LDP, 1906).

Modulo Banner Donazioni

Aiuta l'Opera Don Guanella a fare del bene

IL TUO CONTRIBUTO ECONOMICO È PREZIOSO!
"Conviene sempre fare un po' di carità: un povero soccorre l'altro e Dio benedice" - San Luigi Guanella

Social Footer

Cookies policy